ClaudiaPorchietto.itAttività e iniziative

Sicurezza, Porchietto (FI): presenterò un disegno di legge per contrastare la mafia nigeriana e le nuove forme di schiavitù

01.05.2018

"Quando i flussi migratori sei o sette anni fa sono "esplosi" rispetto agli anni precedenti, l'Italia ha scelto la strada della "diaria", cioé di un sostegno fine a se stesso che spesso peraltro finisce in mano di soggetti terzi, quindi neppure dell'immigrato o del profugo. I piccoli Comuni, in particolare quelli del Torinese, in quegli anni avevano invece sostenuto una idea diversa su come integrare gli immigrati che vedevano arrivare nei loro Comuni: chiedevano di poterli inserire in lavori socialmente utili. Se avessimo raccolto questa proposta, che peraltro ha avuto delle sperimentazioni ad esempio ad Usseglio e a Lemie, avremmo fatto veramente accoglienza e avremmo disinnescato la cultura del sospetto e la percezione d'insicurezza che invece oggi vivono i cittadini piemontesi e italiani". A sostenerlo l'onorevole di Forza Italia, Claudia Porchietto, durante il seminario 'Mafia Nigeriana e racket dell'Elemosina' organizzato dall'associazione "SiAmo Torino".

Ha aggiunto Porchietto: "Nel giro di poco tempo alla sperimentazione avviata da questi Comuni sono stati messi dei paletti di natura giuslavoristica che hanno reso impossibile applicarli su vasta scala. Ed ecco quindi che la scelta di pagare una indennità giornaliera ha preso piede. Mi pare che quest'ultimo modello abbia mostrato di essere fallimentare. Gli immigrati vengono abbandonati spesso a se stessi e quindi é facile per le organizzazioni criminali assoldarli. Nel caso in oggetto della Mafia Nigeriana si parte dal racket dell'Elemosina, che é solo la cartina tornasole, perché dietro a questa nuova forma di schiavitù, gli stessi criminali poi commettono reati come il favoreggiamento alla prostituzione, la vendita di minori, fino all'affiliazione ad organizzazioni terroristiche. Insomma per non aver affrontato il tema a tempo debito, lasciamo che le organizzazioni criminali si rafforzino e aumentino i propri fatturati e il numero di attività illecite presenti nel nostro territorio".

Conclude Porchietto: "Torino deve avviare senza ritardo un tavolo per la sicurezza con gli oepratori del settore per affrontare l'emergenza sicurezza e in particolare la questione dei reati compiuti dalla Mafia nigeriana: un problema che oggi viene sottovalutato dalla politica. In secondo luogo é indispensabile rendere più efficaci le leggi nazionali al riguardo. Appena avremo l'insediamento di un Governo e quindi la formazione delle Commissioni Parlamentari Permanenti, presenterò un disegno di legge al riguardo raccogliendo le istanze delle forze dell'ordine che devono essere messe nelle condizioni di poter fare il proprio lavoro nel miglior modo possibile. Non ci devono più essere casi come quello di Pamela Mastropietro".

Scarica il PDF

news

Start

video

Intervento Claudia Porchietto sull'emergenza profughi

Una frase del mio intervento: "I pochi esempi che portano i media sui profughi sono quelli brillanti che però coinvolgono solo piccole

newsletter

Inserisci la tua mail per ricevere i comunicati ed essere aggiornato sulla mia attività politica

dai comuni

Tutte le novità, notizie e riflessioni riguardanti il tuo Comune di residenza segnalate dagli amici amministratori locali e dagli elettori. Uno spazio libero per il dibattito.

Piemonte